Menu top servizio
Media   |   Lavorare in BCC Roma   |   News   |   Links
 
Seguici su Facebook Seguici su Twitter Seguici su YouTube Seguici su Instagram Seguici su Google++
 

Finanziamento alle PMI assistito dal contributo del Ministero dello Sviluppo Economico- Beni Strumentali Nuova Sabatini

Informazioni
Descrizione
sABATINI

 

Finanziamento alle Piccole Medie Imprese assistito dal contributo del Ministero dello Sviluppo Economico - Beni Strumentali Nuova Sabatini.
 
L' offerta di credito é destinata alle PMI per l'acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature, ai sensi della convenzione tra il Ministero dello Sviluppo Economico (MISE), ABI (Associazione Bancaria Italiana e CDP (Cassa Depositi e Prestiti).

La misura agevolativa serve a sostenere gli investimenti per acquisto di macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo, nonché di hardware, software e tecnologie digitali.

L'agevolazione, che sarà erogata dal Ministero Sviluppo Economico alle Imprese, consiste nel riconoscimento di un contributo in conto impianti in relazione agli investimenti realizzati. Tale contributo è pari all'ammontare degli interessi, calcolati su un piano di ammortamento convenzionale con rate semestrali, al tasso del 2,75% annuo per cinque anni.
Detto contributo dal 1 marzo 2017 e per tutto l'anno è elevato al 3,575% annuo per gli investimenti in tecnologie digitali e in sistema di tracciamento e pesatura dei rifiuti.

Il contributo viene erogato in 5 annualità, su richiesta di erogazione da parte dell'impresa direttamente al MISE, dopo la conclusione dell'investimento, con cadenza annuale, non prima di 12 mesi dalla precedente richiesta di erogazione.

La PMI presenta alla Banca la domanda di agevolazione e la correlata richiesta di finanziamento esclusivamente attraverso invio PEC (Posta Elettronica Certificata) al seguente indirizzo:08327.convenzioni@actaliscertymail.it.

All'atto della presentazione della domanda l'impresa non deve presentare preventivi né fatture o altri titoli di spesa. Nel modulo di domanda va riportato il numero identificativo della marca da bollo annullata (attualmente 16 euro). La domanda va redatta in firma digitale.

La PMI ha la possibilità di beneficiare della garanzia del Fondo di garanzia per le piccole e medie imprese, fino alla misura massima prevista dalla vigente normativa sul finanziamento bancario  (80% dell'ammontare del prestito) con priorità di accesso.

Le domande vanno redatte obbligatoriamente attraverso il modulo disponibile sul sito del Ministero


Caratteristiche del finanziamento
  • Mutuo chirografario a tasso fisso deliberato a copertura degli investimenti e fino al 100% degli stessi
  • Durata: minima 18 mesi e massima 60 mesi comprensiva di un eventuale periodo di preammortamento non superiore a dodici mesi
  • Importo: minimo 20.000 euro – massimo 2.000.000 di euro (riferito alla singola impresa e non al gruppo)
  • Garanzia (non obbligatoria): pubblica del Fondo di Garanzia Nazionale gestita da Medio Credito Centrale SPA. In caso di presenza della garanzia pubblica, la Banca applicherà un tasso nominale annuo pari alla misura del contributo.
Spese ammissibili
Le spese ammissibili riguardano l'acquisto di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature nuove di fabbrica e ad uso produttivo, nonché investimenti in hardware, in software e in tecnologie digitali, classificabili nell'attivo dello stato patrimoniale alle voci B.I1.2, B.I1.3, B.II.4 dell'articolo 2424 del CC. destinati a strutture produttive già esistenti o da impiantare, ovunque localizzate nel territorio nazionale.

Non sono ammissibili le seguenti spese:

- relative a "terreni e fabbricati", incluse le opere murarie, e "immobilizzazioni in corso e acconti" 
- per l'acquisto di beni che costituiscono mera sostituzione di beni esistenti 
- relative a commesse interne 
- relative a macchinari, impianti e attrezzature usati o rigenerati 
- di funzionamento;
- relative a imposte, tasse e scorte 
- relative al contratto di finanziamento.

Non sono ammissibili singoli beni di importo inferiore a 516,46 (cinquecentosedici/46) euro, al netto dell'IVA.
In ogni caso, non sono ammissibili materiali e beni di consumo di qualsiasi importo unitario. Gli investimenti devono essere avviati successivamente al momento di presentazione della domanda e terminati entro l'inizio del periodo di rimborso.

Modalità Operative

La Banca raccoglierà tutte le domande pervenute con esito creditizio positivo e prenoterà i fondi presso il Ministero entro il 6 di ogni mese; entro i successivi 5 giorni il Ministero confermerà la disponibilità delle risorse.
Il Ministero adotta il provvedimento di concessione del contributo, con l'indicazione dell'ammontare degli investimenti ammissibili, delle agevolazioni concedibili e del relativo piano di erogazione, nonché degli obblighi e degli impegni a carico dell'impresa beneficiaria e lo trasmette alla PMI ed alla Banca.
La Banca dovrà stipulare il contratto di finanziamento con la PMI e erogare alla stessa il finanziamento in un'unica soluzione entro l'ultimo giorno del mese successivo a quello di ricezione del provvedimento di concessione del contributo, pena la decadenza dall'agevolazione concessa.

La PMI, ad investimento ultimato, compila, in formato digitale ed esclusivamente attraverso l'accesso alla piattaforma ministeriale, la dichiarazione attestante l'avvenuta ultimazione. Gli investimenti devono essere avviati successivamente al momento di presentazione della domanda e terminati entro 12 mesi dalla stipula del contratto. I finanziamenti superiori a 1,9 milioni di euro generano contributi di importo superiore ai 150 mila euro (subordinati all'acquisizione della documentazione  antimafia, ai sensi del decreto legislativo n. 159/2011).

Per accedere alla piattaforma ministeriale clicca qui
 
Domande frequenti Sabatini ordinaria(FAQ) clicca qui
 
Domande frequenti (FAQ) relative alle novità introdotte sulla Nuova Sabatini dalla legge di bilancio 2017 nell'ambito del Piano Nazionale Industria 4.0 clicca qui
Società erogatrice
BCC Roma
Dedicato a
Professionisti
Imprese e ditte
Segmento di trasparenza
Clienti al Dettaglio
Altri Clienti
Clienti non consumatori (imprese individuali/società)
Categoria Prodotto
Finanziamenti
Punti di forza commerciali/vantaggi
Contributo che permette, in caso di presenza di garanzia del Fondo Centrale per le PMI, un abbattimento totale (fatto salvo le differenze dovute alla periodicità delle rate degli oneri passivi correlati al finanziamento e agli eventuali oneri accessori).

Altra novità introdotta dalla legge di bilancio è di ordine fiscale, infatti il legislatore nel confermare il cosiddetto «superammortamento» del bene acquistato al 140% ha introdotto un'agevolazione maggiore, «l'iperammoramento» del 250% legato all'acquisto di beni tecnologici legati al progetto di Industria 4.0 dei settori altamente innovativi (per esempio,  meccatronica, robotica, big data, sicurezza informatica, nanotecnologie, sviluppo di materiali intelligenti, stampa 3D).
Questo si traduce in una maggiorazione della deduzione delle spese sostenute ai fini della determinazione dell'IRES e dell'IRPEF.
 
In pratica nel primo caso è prevista una maggiorazione del 40% del costo fiscalmente ammesso in deduzione a titolo di ammortamenti (o di canone di leasing). Ovvero, per una spesa di 100 è possibile ammortizzare un valore di 140. Tale misura riguarda tutti i beni strumentali acquistati fino al 31 dicembre 2017.

Per scaricare il simulatore del contributo in formato Excel clicca qui

Normativa di riferimento
 
Strumenti attuativi

 

Tipologia di prodotto
Mutuo Chirografario
Riferimento Trasparenza
Riferimento Trasparenza
Foglio Informativo n. 32 - Mutuo Chirografario PMI Beni Strumentali-Sabatini Ter

Messaggio pubblicitario con finalità promozionale
Per le condizioni contrattuali del prodotto illustrato e per quanto non espressamente indicato é necessario fare riferimento ai Fogli Informativi che sono a disposizione dei clienti anche su supporto cartaceo, presso tutte le agenzie della nostra Banca.