Informazione

Informazione

 
BCCRoma che vai, Italia che trovi
21/07/2020
Tarkna, Tarquinia Corneto: una città tra storia, arte e natura
Tarkna, Tarquinia Corneto: una città tra storia,arte e natura
Tarkna, Tarquinia Corneto: una città tra storia,arte e natura

63 chiese, 38 torri, racchiuse tra la cinta muraria e il mare.

È Tarquinia (Tarkna in etrusco e Tarquinii in latino), cittadina della Tuscia Viterbese: un perfetto mix di storia, archeologia, arte e natura.

Fu uno dei più antichie e importanti insediamenti della dodecapoli etrusca.

Testimoniano la sua grandezza la necropoli di Manterozzi, con le sue oltre duecento tombe dipinte, e i tre re etruschi che governarono Roma: Tarquinio Prisco, Servio Tullio e Tarquinio il Superbo.

Fu più volte in guerra con Roma, che la conquistò nel 295.

Nel V secolo passò sotto Teodorico.
Nell’VIII secolo gli abitanti si spostarono sul colle di fronte nel un nuovo borgo di Corneto, che nel 1144 divenne libero comune italiano e nel 1415 fu incamerato nello stato Pontificio.
Occupato nel ‘700 dai francesi e dagli inglesi, nel 1870 entrò a far parte del regno d’Italia.

Nel 1922 il nome Corneto fu sostituito con l’antico Tarquinia, in memoria della vecchia città etrusca. È immersa in territorio con campagne, spiagge e oasi naturalistiche, come la Riserva Naturale delle Saline, popolata da uccelli come il Fenicottero Rosa e l’Airone Cenerino.

No Help