Informazione

Informazione

 
Luoghi e curiosità dei nostri territori
03/12/2020
Cencelle, la città fantasma
Immagine Cencelle
Immagine Cencelle

Cencelle è un borgo medievale abbandonato.

Sorge nella campagna della Valle del Mignone, tra Civitavecchia e Allumiere.

La sua storia inizia nell’854, anno in cui l’abitato di Centumcellae, il grande porto voluto dall'imperatore Traiano, viene definitivamente distrutto dai saraceni.

I suoi abitanti vengono trasferiti nel nuovo borgo fortificato, fatto costruire da papa Leone IV sulle pendici settentrionali dei Monti della Tolfa.

La nuova cittadina viene denominata Cencelle, in ricordo della città abbandonata.

Negli anni la pressione saracena sulle coste si allenta: nell’889 il borgo viene nuovamente abbandonato e i cittadini tornarono nel luogo di origine.
Cencelle, ormai semiabbandonata, passa di mano in mano: proprietà dell’Abbazia di Farfa nel X secolo, viene acquistata da Viterbo nel 1220 e poco dopo passa sotto il dominio della Chiesa.

Nel XIV secolo è sottomessa prima a Corneto poi a Ludovico Vitelleschi e infine a Giovanni Sciarra di Vico. Agli inizi del XV secolo torna sotto la dominazione Chiesa e, man mano, diventa una grande tenuta agricola. 

No Help