Informazione

Informazione

 
BCCRoma che vai, Italia che trovi
29/01/2021
Roma Casalbertone, tra cinema, natura e archeologia
Immagine Roma Casalbertone
Immagine Roma Casalbertone

Il quartiere romano di Casal Bertone nasce alla fine degli anni Venti in una zona dell’Agro Romano caratterizzata dalla collina di Portonaccio dove si trovava la Vaccheria Bertone, oggi scomparsa e dalla quale sembra derivare il toponimo.

La sua storia si è legata allo sviluppo della Capitale e alla necessità di costruire nuove case per i dipendenti statali, soprattutto tranvieri e ferrovieri, e per gli operai della Snia Viscosa.

Durante la Seconda Guerra mondiale Casal Bertone viene colpito, e in parte distrutto, dai massicci bombardamenti alleati.

Tra gli anni Cinquanta e Sessanta arriva il cinema: vengono girati “I soliti ignoti” di Monicelli, “Mamma Roma” di Pasolini, “Morte di un amico” di Franco Ross e alcune scene di “Una vita violenta”, tratto dall’omonimo romanzo di Pasolini.

Uno degli elementi che caratterizzano e rendono unico questo quartiere è il Lago ex Snia. Alimentato dalle acque sorgive dell'antico fosso della Marranella, è l’unico lago naturale di Roma.

E poi ci sono i numerosi i ritrovamenti archeologici nel quartiere: una villa romana, una basilica, statue, una grande conceria di 1000 mq (II-III secolo d.C), un tratto dell’antica via Collatina e una necropoli (I e II sec. d.C.).