Informazione

Informazione

 
Luoghi e curiosità dei nostri territori
11/02/2021
Arpino, da città fortificata a città industriale
Immagine Arpino
Immagine Arpino

Arpino è un antico centro della provincia di Frosinone.

Qui nacquero Caio Mario, Marco Tullio Cicerone, Marco Vipsanio Agrippa, genero dell’imperatore Augusto, Giuseppe Cesari (meglio conosciuto come Cavalier d’Arpino) pittore tardo-manierista attivo a Roma e Napoli tra ‘500 e 600.

È dominato dall’Acropoli, il borgo fortificato della Civitas Vetus, circondata da possenti mura “poligonali” (o ciclopiche): tre chilometri di fortificazioni di epoca pre-romana, costruite a secco, senza fondazioni.

La porta arcaica d’ingresso è alta 4,20 metri ed è formata da blocchi sovrapposti, tagliati obliquamente sul lato interno, che si restringono verso la cima: un sistema costruttivo molto simile a quello di Tirinto e Micene.

Le vicende della città sono legate agli antichi popoli italici dei Volsci e dei Sanniti, alla sconfitta di questi ultimi ad opera dei Romani.

Dopo aver fatto parte del Ducato Romano, Arpino diventò terra di conquista per i Normanni, gli Svevi e il Papato. Fu feudo dei Conti d’Aquino e di altre casate francesi. Dal Settecento fino all'Unità d'Italia fu uno dei centri più importanti per la produzione industriale di tessuti in lana, tanto da meritarsi l’appellativo di “città industriale”. 

No Help