Informazione

Informazione

 
Luoghi e curiosità dei nostri territori
12/03/2021
Il costume femminile di Scanno
Immagine del costume femminile di Scanno
Immagine del costume femminile di Scanno

L’abito femminile di Scanno è il costume più rappresentativo dell’Abruzzo.

Alcuni studiosi hanno ipotizzato un’origine orientale del costume, altri longobarda.

L‘abito si è evoluto nei secoli in maniera autonoma e negli anni ’50 ha assunto l’attuale foggia, più sobria, che prevede un solo tipo di gonna di panno verde scuro, tessuto e tinto dalle donne in casa.
La gonna è confezionata con circa 15 metri di stoffa. È lunga fino alla caviglia e pesa circa 10 chili. Nel bordo inferiore vi è una striscia di panno di lana rosso, che la protegge dall’usura. Sul fianco destro si apre un’ampia tasca.

Sopra la gonna viene indossato un grosso grembiule di cotone di vario colore, largo più di 2 metri.

Il corpetto è aderente e rigido. Si allaccia sul davanti con un’unica fila di bottoni che termina in una bottoniera a triangolo rovesciato. Ha maniche molto larghe che si restringono in minutissime pieghe ai polsi e all’attaccatura delle spalle.

Infine vi è un copricapo di stoffa, una sorta di turbante che viene indossato solo nei giorni di festa o di ricorrenze.

Per l’uso quotidiano le donne coprono il capo con un semplice fazzoletto quadrato, di vario colore. 

No Help