Sostegno alle famiglie

Sostegno alle famiglie

Misure a sostegno della tua famiglia per l'emergenza Covid-19

 
1.1. SOSPENSIONE RATE MUTUI PRIMA CASA - FONDO DI SOLIDARIETÀ

Con il Decreto Legge n. 18 del 17 marzo 2020 il Governo ha ampliato  il sostegno previsto dal Fondo di Solidarietà per i mutui concessi per l’acquisto della prima casa a tutti coloro che, a causa dell’emergenza sanitaria CoVid-19, hanno subito la sospensione e/o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo almeno di 30 giorni.

Chi può fare la richiesta

A seguito della conclusione delle deroghe previste per l’emergenza Covid 19 dal D.L. del 17 marzo 2020, n. 18, validi per un periodo di 9 mesi dall'entrata in vigore dello stesso decreto, a decorrere dal giorno 18 dicembre 2020 e fino ad eventuali nuove proroghe, per l’accesso al Fondo sono ripristinate le seguenti regole:

  • sono ammissibili al Fondo i mutui di importo accordato fino a 250.000 euro restando pertanto esclusi quelli di importo superiore;
  • sono ammissibili le richieste di mutuatari che presentano un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) non superiore a 30.000 euro annui (da attestare tramite presentazione dell’ISEE stesso);
  • i mutui già ammessi alla garanzia del Fondo “Prima casa” non possono accedere alla sospensione del pagamento delle rate;
  • i clienti che hanno già avuto una precedente sospensione possono presentare una nuova richiesta solo se il totale dei mesi di sospensione non sia superiore ai 18 totali o se non abbiano già fruito di 2 periodi di sospensione (anche nel caso in cui sia ripreso, da almeno tre mesi, il regolare ammortamento delle rate).

Non possono quindi più accedere ai benefici del Fondo:

  • i richiedenti che hanno già fruito di un’agevolazione pubblica sul mutuo;
  • i lavoratori autonomi/liberi professionisti e le cooperative edilizie a proprietà indivisa;
  • i mutuatari che presentano un indicatore della situazione economica equivalente (ISEE) superiore a 30.000 euro annui (da attestare tramite presentazione dell’ISEE stesso);
  • i mutui di importo superiore a 250.000 euro;
  • i mutui già ammessi alla garanzia del Fondo “Prima casa”;
  • i clienti che hanno già avuto una precedente sospensione se il totale dei mesi di sospensione è superiore ai 18 totali o se hanno già fruito di 2 periodi di sospensione (anche nel caso in cui sia ripreso, da almeno tre mesi, il regolare ammortamento delle rate).
     

Requisiti per la richiesta

Per accedere a tale iniziativa è necessario avere uno dei requisiti previsti dal “Fondo di Solidarietà per i mutui per l'acquisto della prima casa”, quali:

  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato; 
  • cessazione del rapporto di lavoro subordinato a tempo determinato;
  • cessazione dei rapporti di lavoro parasubordinato o di rappresentanza commerciale o di agenzia;
  • sospensione dal lavoro per un periodo di almeno 30 giorni consecutivi; 
  • riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni consecutivi (corrispondente ad una riduzione almeno pari al 20% dell’orario complessivo);
  • morte, riconoscimento di grave handicap ovvero di invalidità civile non inferiore all’80%. 

E necessario allegare la seguente documentazione:

  • Modello  A) Domanda accesso fondo solidarietà sospensione mutui con la relativa documentazione allegata (mod. ISEE e certificati del datore di lavoro)
  • Modello B) modalità di rimborso della quota interessi
icona info

Modalità di accesso

Basta inviare una PEC/Mail alla propria agenzia di riferimento con la  modulistica indicata sopra
1.2 Sospensione Rate Mutui - Ordinanza 642 del 29.02.2020
solo per i comuni di Bertonico (Lodi) , Casalpusterlengo (Lodi), Castelgerundo (Lodi), Castiglione D'Adda (Lodi), Codogno (Lodi), Fombio (Lodi), Maleo (Lodi), San Fiorano (Lodi), Somaglia (Lodi), Terranova dei Passerini (Lodi), Vò Euganeo (Padova)
icona info

Modalità di accesso

Basta inviare una PEC/Mail alla propria agenzia di riferimento con la  modulistica indicata sopra
1.3 Sospensione Rate Mutui – Iniziativa BCC Roma

Chi può fare la richiesta
Tutti i clienti persone fisiche titolari di mutui ipotecari/ fondiari e chirografari anche cointestati, non aventi i requisiti per rientrare nelle misure di sospensione di tipo governativo (Fondo di solidarietà per Sospensione Rate Mutui Prima Casa, Ordinanza 642 del 29 febbraio 2020, Decreto Legge n. 18 del 17/03/2020 – Decreto Cura Italia) e per i quali si verificano situazioni di temporanea difficoltà quali: 

  • motivi collegati all’emergenza epidemiologica da Covid-19 e con validità fino al 31/12/2020:
    • danno economico derivante dall’emergenza sanitaria (da attestare mediante autocertificazione)
  • altre motivazioni:
    • perdita del lavoro subordinato e cessazione del rapporto di lavoro da parte del mutuatario e/o di uno dei cointestatari del mutuo (anche rapporti di lavoro di cui all’art. 409, n. 3, c.p.c.)
    • morte o sopraggiunta non autosufficienza del titolare del mutuo
    • sospensione del lavoro o riduzione dell’orario di lavoro per un periodo di almeno 30 giorni, anche in attesa dell’emanazione dei provvedimenti di autorizzazione dei trattamenti di sostegno del reddito (CIG; CIGS; altre misure a sostegno del reddito c.d. ammortizzatori sociali in deroga; contratti di solidarietà)
    • separazione legale dei coniugi cointestatari
    • sostenimento di spese mediche straordinarie per oltre 5.000 € all’interno del nucleo familiare

Finalità
Sospensione, fino ad un massimo di 18 mesi, del pagamento della quota capitale delle rate dei mutui con traslazione del piano di ammortamento per un periodo corrispondente alla durata della sospensione e con il mantenimento del pagamento, durante il periodo di sospensione, degli interessi sul capitale residuo del mutuo alla data di inizio della sospensione – calcolati al tasso come da contratto – in rate aventi la stessa scadenza delle rate di rimborso sospese.

Scadenza
La sospensione su iniziativa Banca con queste modalità scade il 31 dicembre 2020.

Modulistica

  • Modulo di richiesta sospensione rate di mutuo
     
  • Autocertificazione danno economico da Covid-19 persona fisica
     
  • Fotocopia della carta d'identità del richiedente
     
  • Documentazione per dimostrare la motivazione della richiesta di sospensione indicata nella domanda (ad esempio in caso di perdita del lavoro subordinato e cessazione dei rapporti di lavoro di cui all’art. 409, n. 3, c.p.c. la documentazione comprovante la cessazione del rapporto di lavoro e le cause della stessa quali lettera di licenziamento, lettera di dimissioni, ecc; in caso di danno economico da Covid autocertificazione del danno subito, ecc)
     
icona info

Modalità di accesso

Basta inviare PEC/Mail alla propria agenzia di riferimento con la  modulistica indicata sopra
Hai bisogno di supporto e informazioni?